Perché réservesuisse è membro dell’Idée Coopérative

22.08.2020

Perché réservesuisse è membro dell’Idée Coopérative

La cooperativa reservesuisse è membro dell’Idée Coopérative. Il 21.08.2020 è stata pubblicata sul sito web ideecooperative.ch un’intervista con il direttore della cooperativa réservesuisse.

La cooperativa reservesuisse è membro dell’Idée Coopérative. Il 21.08.2020 è stata pubblicata sul sito web ideecooperative.ch un’intervista con il direttore della cooperativa réservesuisse.

L’intervista può essere letta QUI.

Assemblea generale del 13 maggio 2020

20.05.2020

Assemblea generale del 13 maggio 2020

La prima assemblea generale virtuale del 13 maggio 2020 è già storia. Grazie a tutti i membri della cooperativa per aver partecipato alla votazione per via elettronica. I risultati della votazione vi verranno notificati con il verbale dell’Assemblea generale 2020.   Il team réservesuisse

La prima assemblea generale virtuale del 13 maggio 2020 è già storia. Grazie a tutti i membri della cooperativa per aver partecipato alla votazione per via elettronica. I risultati della votazione vi verranno notificati con il verbale dell’Assemblea generale 2020.

Il team réservesuisse

I magazzini pieni sono più efficienti dell’autarchia

19.05.2020

I magazzini pieni sono più efficienti dell’autarchia

Esiste un’alternativa più efficiente rispetto a un livello elevato di autoapprovvigionamento? Si, le scorte obbligatorie.   “Neue Zürcher Zeitung” del 14 maggio 2020

Esiste un’alternativa più efficiente rispetto a un livello elevato di autoapprovvigionamento? Si, le scorte obbligatorie.

«Neue Zürcher Zeitung» del 14 maggio 2020

Autoapprovvigionamento o costituzione di scorte obbligatorie

Nell’ambito della situazione eccezionale creatasi a causa del coronavirus, l’agricoltura rappresenta un partner importante per l’approvvigionamento del Paese con beni di prima necessità. La discussione relativa all’innalzamento del livello di autoapprovvigionamento dell’agricoltura non è tuttavia esaustiva. In Svizzera vige un sistema unico costituito da produzione agricola, produzione di generi alimentari, commercio e costituzione sistematica di scorte obbligatorie di derrate alimentari e alimenti per animali.

«Neue Zürcher Zeitung» del 14 maggio 2020

AG – Informazioni ai nostri membri

06.04.2020

AG – Informazioni ai nostri membri

A causa del coronavirus, il Consiglio federale ha come noto definito “straordinaria” la situazione attuale in Svizzera e vietato per il momento le grandi manifestazioni. Ciò ha conseguenze anche per la nostra assemblea generale, che non potrà svolgersi come previsto il 13 maggio 2020 all’Hotel Bellevue Palace a Berna. In…

A causa del coronavirus, il Consiglio federale ha come noto definito “straordinaria” la situazione attuale in Svizzera e vietato per il momento le grandi manifestazioni. Ciò ha conseguenze anche per la nostra assemblea generale, che non potrà svolgersi come previsto il 13 maggio 2020 all’Hotel Bellevue Palace a Berna. In tempo utile, Vi informeremo sui dettagli dell’implementazione.

Ci dispiace per l’annullamento della nostra assemblea generale. Speriamo, quindi, di poter contare sulla vostra comprensione in questo periodo di situazione straordinaria.

La Crisi Covid-19 – la produzione interna di generi alimentari va a tutta velocità

02.04.2020

La Crisi Covid-19 – la produzione interna di generi alimentari va a tutta velocità

Macchine avanti tutta per l’industria alimentare e, per adesso, non c’è nessun bisogno di fare uso delle scorte d’emergenza. Versione completa del programma “Eco“, trasmesso il 30 marzo 2020 (in tedesco).

Macchine avanti tutta per l’industria alimentare e, per adesso, non c’è nessun bisogno di fare uso delle scorte d’emergenza.

Versione completa del programma Eco, trasmesso il 30 marzo 2020 (in tedesco).

La produzione interna di generi alimentari va a tutta velocità.

Mentre molti settori dell’economia svizzera sono ancora ad un punto morto, gli impianti di produzione di generi alimentari funzionano fino a tarda notte e nei fine settimana. Durante la crisi del Covid-19, queste aziende fanno molta più fatica a procurarsi dall’estero le materie prime di cui hanno bisogno. Ciononostante non c’è stato alcun bisogno finora di ricorrere ai magazzini contenenti le riserve strategiche del governo svizzero.

Versione completa del programma Eco”, trasmesso il 30 marzo 2020 (in tedesco).

No all’accaparramento – la Svizzera dispone di scorte d’emergenza

23.03.2020

No all’accaparramento – la Svizzera dispone di scorte d’emergenza

Lo slogan «Scorte d’emergenza – per ogni evenienza» risale al dopoguerra e, con la diffusione del coronavirus, torna inaspettatamente d’attualità.

Lo slogan «Scorte d’emergenza – per ogni evenienza» risale al dopoguerra e, con la diffusione del coronavirus, torna inaspettatamente d’attualità. In Svizzera le scorte d’emergenza sono tornate ad essere improvvisamente un tema centrale. Questa situazione sembra provocare una corsa all’accaparramento che comporta ingenti carenze sugli scaffali delle paste alimentari e del riso e anche nell’assortimento di conserve. La domanda di beni per il fabbisogno quotidiano o di generi alimentari a lunga conservazione aumenta a causa della diffusione del coronavirus. Gli svizzeri si riempiono di scorte per affrontare l’emergenza.

L’approvvigionamento della popolazione è garantito

Al momento non si può però parlare di una reale difficoltà. I rivenditori al dettaglio sono in grado di mettere a disposizione generi alimentari in misura sufficiente. Sporadicamente potrebbero esserci scaffali «vuoti» se la domanda locale supera le scorte a magazzino presenti nelle varie filiali.

E in caso di emergenza la Svizzera dispone di scorte obbligatorie ben rifornite di generi alimentari di base. Le scorte obbligatorie di generi alimentari vitali soddisfano il fabbisogno per 3 o 4 mesi. Queste scorte obbligatorie vengono però messe a disposizione solo se l’economia non è più in grado di fronteggiare da sola le carenze di approvvigionamento. E in questo momento la Svizzera non si trova ancora in una situazione del genere.

La Confederazione gestisce le scorte d’emergenza. L’autorizzazione per accedere alle scorte obbligatorie viene impartita dal Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR), in stretta collaborazione con l’Ufficio federale per l’approvvigionamento economico del Paese (UFAE).

Nuovi contributi al fondo di garanzia per il riso commestibile a partire dal 1° marzo 2010

25.02.2020

Nuovi contributi al fondo di garanzia per il riso commestibile a partire dal 1° marzo 2010

Dal 1° marzo 2020, il contributo al fondo di garanzia per il riso commestibile ammonta a CHF 0.0520/kg (prima CHF 0.0475/kg).

Dal 1° marzo 2020, il contributo al fondo di garanzia per il riso commestibile ammonta a CHF 0.0520/kg (prima CHF 0.0475/kg).

Le tariffe attuali per tutte le merci si trovano qui.

Perché abbiamo ancora bisogno di scorte obbligatorie?

13.02.2020

Perché abbiamo ancora bisogno di scorte obbligatorie?

Il caffè è un genere voluttuario – almeno così la pensa il Consiglio federale. Per questo motivo ha deciso che in Svizzera non c’è bisogno di una scorta d’emergenza di caffè. Le scorte obbligatorie di caffè verranno quindi abolite.   Reportage della trasmissione  «HEUTEMORGEN», SRF NEWS, del 17.04.2019 (in tedesco)

Il caffè è un genere voluttuario – almeno così la pensa il Consiglio federale. Per questo motivo ha deciso che in Svizzera non c’è bisogno di una scorta d’emergenza di caffè. Le scorte obbligatorie di caffè verranno quindi abolite.

Reportage della trasmissione  «HEUTEMORGEN», SRF NEWS, del 17.04.2019 (in tedesco)

La politique de la Confédération en matière de réserves obligatoires a changé

Da tempo, la Svizzera non è confrontata con una guerra e la maggior parte delle merci può essere acquistata da diversi fornitori; una carenza di zucchero o di petrolio, ad esempio, è difficilmente concepibile. Allora perché abbiamo ancora bisogno di scorte obbligatorie?

Reportage della trasmissione  «HEUTEMORGEN», SRF NEWS, del 17.04.2019 (in tedesco)

Come funziona una scorta obbligatoria?

13.02.2020

Come funziona una scorta obbligatoria?

Se un farmaco scarseggia o ci sono strozzature nelle importazioni di petrolio, lo Stato interviene e ordina la liberazione di scorte obbligatorie. Tuttavia, la Confederazione non ha magazzini, ma obbliga i grossisti/magazzinieri ad avere sempre in magazzino scorte sufficienti di determinati prodotti.   Reportage della trasmissione “ESPRESSO” del 24.06.2019 (in…

Se un farmaco scarseggia o ci sono strozzature nelle importazioni di petrolio, lo Stato interviene e ordina la liberazione di scorte obbligatorie. Tuttavia, la Confederazione non ha magazzini, ma obbliga i grossisti/magazzinieri ad avere sempre in magazzino scorte sufficienti di determinati prodotti.

Reportage della trasmissione “ESPRESSO” del 24.06.2019 (in tedesco)

L’assortimento delle scorte è adattato

Il Consiglio federale stabilisce cosa fa parte dell’assortimento delle scorte, di cui è competente l’Ufficio federale per l’approvvigionamento economico del Paese (UFAE). L’elenco delle merci è costantemente adattato.

Reportage della trasmissione “ESPRESSO” del 24.06.2019 (in tedesco)